Cari utenti di Gotta Joga, in questa nuova versione abbiamo inserito alcune pratiche che i nostri insegnanti hanno registrato per Gotta Joga a casa durante il periodo di “lockdown” per l’emergenza sanitaria dovuta al COVID-19, periodo durante il quale non ci era permesso registrare in studio.

Un insegnante lo conoscete già ed è Giuseppe Panarello il quale in questo tutorial ci spiega come prepararsi alle posizioni Marichyasana che sono posizioni base nei corsi di Asthanga Yoga. Il fulcro delle posizioni base di Asthanga Yoga, Yoga Chiksa, riguarda l’apertura delle anche e i piegamenti in avanti. Giuseppe ci spiega nel dettaglio la transizione da Marichyasana A e B e alla fine combina tutto in un breve flusso.

Le altre due insegnanti sono una novità in casa Gotta Joga e con loro abbiamo intenzione di proseguire la collaborazione con nuovi progetti futuri.

La prima insegnante si chiama Valentina Amato e ha registrato a casa per noi un Flusso rapido di Vinyasa.
Con questa sequenza di circa 30 minuti, Valentina ci aiuta a creare calore nel nostro corpo con un flusso di vinyasa.  Questa pratica è ottima per chiunque abbia bisogno di far circolare il sangue e di aprire la zona delle spalle e del torace. Faremo variazioni di saluti al sole, la posizione dell’albero (Vrksasana) e una sequenza di posture in piedi (guerriero 2, Virabadrasana 2; angolo laterale, Parsva Konasana; Triangolo, Utthita Trikonasana). Termineremo la pratica con un allungamento dell’anca e dei glutei, con la posizione del piccione.

La seconda insegnante si chiama Elena Ciccone e ha registrato per noi 3 sequenze.
La prima sequenza è una pratica di circa 30 minuti di vinyasa per principianti.
Dopo un classico riscaldamento della colonna, ci muoveremo al ritmo del respiro nei saluti al sole. Un flusso di breve durata, ma molto completo nella descrizione e nelle asana prese in considerazione Prasarita Paddottanasana (piegamento in avanti a gambe divaricate) con torsione, Parsva Konasana (posizione di estensione del fianco), Trikonasana (triangolo), Virabhadrasana I e II e Utkatasana (posizione della sedia). Nella fase finale stemperiamo l’energia in asana seduti, con Baddha Konasana (posizione della farfalla), Setu Bandha asana (posizione del mezzo ponte) e una torsione da sdraiati.
La seconda sequenza di circa 20 minuti aiuta la mobilità della colonna vertebrale con flessioni, estensioni e torsioni.
Una pratica semplice ma efficace focalizzata sui movimenti della colonna vertebrale affinché la si rinforzi e tonifichi, per una mobilita’ più cosciente.
La terza sequenza anche questa di circa 20 minuti, punta alla mobilita’ delle anche, con obiettivo di armonia ed equilibrio
 Una delle aree di cui spesso ci lamentiamo sono le anche ed il bacino dove ci sentiamo bloccati, rigidi. In questa pratica le asana considerate ( Supta Padangustasana, Virabadhrasana II, Parsva Konasana e Prasarita Padottasana ) sono focalizzate sulla mobilita’  di questa parte del corpo, con un’ intenzione di apertura e flessibilità’ non solo fisica ma anche mentale.
Aggiornate la vostra applicazione.
 Buona pratica con Gotta Joga!!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *